Fungo Marzuolo: cos’è, quando trovarlo e come usarlo

-
27/02/2021

Il Marzuolo è uno dei funghi commestibili più amati e ricercati della stagione invernale. Viene chiamato anche “dormiente” perché fruttifica allo scioglimento della neve. Molto apprezzato anche grazie alla sua versatilità in cucina, vediamo insieme le caratteristiche di questo fungo e dove trovarlo.

funghi-marzuoli-1


Il Marzuolo o Dormiente (Hygrophorus Marzuolus) è un fungo commestibile che, come dice il nome, cresce a marzo. Tuttavia, se le condizioni ambientali lo consentono (come in questo periodo), se ne possono trovare alcuni esemplari già a febbraio. A seconda della regione in cui ci si trova, si può raccogliere questo fungo solo a partire dai 700m di altitudine fino a raggiungere i 1000-1200m. Generalmente, lo troviamo sotto le conifere.

Caratteristiche del marzuolo e dove trovarlo

Il marzuolo è uno dei primi funghi a comparire nel bosco alla fine dell’inverno. Il cappello del marzuolo ha un diametro compreso tra i 4 e i 13cm, di colore chiaro quando è ancora giovane e coperto dalla vegetazione del bosco. Successivamente assume un colore tendente al grigio. Le lamelle sono rade e bianche. Il gambo è tozzo e spesso presenta un’incurvatura alla base.


Leggi anche: Funghi Porcini: qual è il periodo giusto e come riconoscerli

Marzuolo: dove e quando trovarlo

forest-4840855-1920

Il marzuolo cresce solitamente sotto le conifere, vicino a radici esposte o legno morto. Bisogna tenere gli occhi aperti se ci si trova in una zona in cui si mescolano faggi, querce, castagni, abeti e piante di mirtillo. La maggior parte delle volte non si trova un unico esemplare, ma ce ne sono altri nascosti nei dintorni. Si consiglia di non rastrellare per non distruggere il loro sito di nascita.

Di norma compare alla fine dell’inverno, fino a tutto maggio. Tuttavia esistono stagioni in cui, in particolare in alcune zone d’Italia, si può incontrare anche in autunno inoltrato (novembre-dicembre).

Marzuolo: uso in cucina

Questo fungo è molto apprezzato per la sua versatilità in cucina. La sua carne infatti è soda e saporita, e si presta bene alla preparazione di contorni o sughi. Data la sua precoce nascita, è difficile da confondere con altre specie commestibili.