Cane corso: carattere, indole e ambiente più adatto

0
8516
cane-corso-sabbia

Il cane corso una volta introdotto in casa deve essere fatto socializzare correttamente con i suoi simili, con gli umani e con l’ambiente circostante. Questo per prevenire problemi legati alla paura e all’aggressività.

L’ambiente del cane corso

Il corso è un cane che ha bisogno di avere un suo piccolo spazio tranquillo in casa, nel quale possa riposare e rifugiarsi con serenità. É sufficiente un tappetino oppure una cuccia morbida. Quando si sdraia, per farlo contento, premiatelo di lodi, carezze e magari qualcosa da sgranocchiare, in questo modo capirà che quello è il suo posto, in cui andare a riposare sempre tranquillo. Nei primi giorni in cui lo introducete all’ambiente, egli dovrà abituarsi a stare da solo, perché è davvero molto appiccicoso con il padrone. É bene quindi lasciarlo da solo per qualche minuto per abituarlo gradualmente. Al rientro, ignorate richieste di attenzione troppo esuberanti  e chiamatelo solo quando si tranquillizza.

Il cane corso è un tipo di cane intelligente e agile, per questo è molte volte protagonista di gare di agility. Molti si domandano se il cane, data la mole importante, si adatti bene anche in appartamento: la verità è che la risposta è senza dubbio positiva. Infatti, il cane, anche se è di stazza imponente, ha un indole tranquilla, quasi mai agitata ed esuberante. L’unica cosa a cui prestare attenzione è di fargli sfogare la vita in appartamento facendolo uscire 2-3 volte al giorno in modo che passeggi un po’.

Che tipo di cane è: aspetto

Il cane corso è il discendente del molosso romano. Si tratta quindi di una razza tutta italiana riconosciuta dalla FCI. Corso deriva da cohors, ovvero guardiano, protettore. Esso è inserito nella categoria dei molossoidi ed è considerato un cane da presa. La razza è vicina allo schnauzer, al pinscher e ai bovari svizzeri, al mastino napoletano (con cui talvolta viene confuso). Il suo mantello è duro e ispido, ha il pelo corso ma non è raso. Sotto al pelo superficiale c’è un sottopelo che lo rende ruvido. Il pelo può essere nero, grigio chiaro o ardesia o piombo, ma anche fulvo. Ne esiste anche una variante tigrata, con anche una maschera grigia sul muso.

La grandezza del cane corso è media. I maschi sono alti 64-68 cm e pesano circa 45-50 chili, le femmine invece 60-64 cm e pesano 40-45 chili. È un cane massiccio, muscoloso e non adatto proprio a tutti. Anche se è tranquillo e buono come cane, al guinzaglio domina lui se vuole, quindi è bene essere persone con un po’ di forza. Il collo dell’animale è muscoloso, perfetto per il tronco robusto e compatto. Il fisico è scolpito e termina con una coda alta e ritta. La coda si assottiglia verso l’esterno.

La testa è grande rispetto al corpo, quasi sproporzionata. La dentatura è bianca e con una chiusura prognata, ovvero con la mandibola spostata più in avanti. I suoi occhi sono grandi e scuri, ha uno sguardo vigile e attento. Le orecchie non fanno che contornare perfettamente questo suo aspetto vigile, sono triangolari e appuntita, mediamente grandi. Il tartufo del cane ha un’aria scanzonata ed è nero. Esso ha il muso largo e profondo.

Carattere e indole

Il cane corso è molto versatile, nella storia è stato utilizzato per difesa, per la caccia, come animale da compagnia. É fondamentalmente un guardiano e quindi se avverte una minaccia può non reagire in modo pacifico, pur non essendo mai troppo aggressivo. La sua indole è infatti fondamentalmente sensibile, dolce e tranquilla. Si affeziona molto al padrone ed è molto appiccicoso, ha bisogno del contatto. Basta addestrarlo bene però per farlo stare al suo posto. L’addestramento del cane corso è semplice, è obbediente e di solito ascolta il padrone.