Rosa di Natale: guida alla coltivazione in vaso

0
119
Rosa-di-Natale

La rosa di Natale è una pianta molto apprezzata, che in questo periodo dell’anno capita spesso di trovare in vivaio o di ricevere in regalo. I suoi fiori colorati sono infatti molto decorativi e rendono la rosa di Natale una pianta perfetta per un dono speciale e per rallegrare l’atmosfera nel periodo delle feste. Il suo vero nome sarebbe Elleboro e si tratta di una specie erbacea perenne, che fiorisce proprio nel periodo invernale, tra dicembre e marzo. Rientra quindi a pieno titolo tra le piante invernali che riescono a resistere al freddo e che non temono nemmeno le gelate.

A differenza della stella di Natale (altra pianta diffusa nel periodo delle feste), l’elleboro predilige temperature fresche e quindi deve essere tenuto all’esterno perchè in casa potrebbe soffrire per il troppo caldo. Si può coltivare sia in terra piena che in vaso, quindi è l’ideale anche per chi cerca una bella pianta per decorare il balcone nel periodo natalizio.

Rosa di Natale: aspetto e caratteristiche

La rosa di Natale è una pianta erbacea perenne, che produce dei bellissimi fiori di un bianco candido formati da 5 petali dalla forma piuttosto tondeggiante. All’interno della corolla, compaiono dei pistilli giallo acceso che impreziosiscono ancora di più l’aspetto dell’elleboro, rendendono moto decorativo. Anche se non è conosciuta come altre piante tipiche del periodo natalizio, la stella di Natale è un bellissimo dono da fare in questa occasione di festa ed è anche molto apprezzata. Secondo una leggenda, l’elleboro fu portato in omaggio a Gesù bambino da una povera pastorella, come simbolo della sua stima.

Rosa di Natale: come coltivarla in vaso

Come abbiamo detto, la rosa di Natale si può coltivare anche in vaso e va tenuta sul balcone o nel giardino. Durante le feste però si può portare la pianta in casa, a patto che non ci sia troppo caldo. Vediamo come coltivare l’elleboro con successo.

Dove collocare la Rosa di Natale

La rosa di Natale è una pianta rustica e perenne, che non teme per nulla il freddo e questo è sicuramente un vantaggio. Possiamo infatti collocare il vaso tranquillamente sul balcone senza temere che la pianta soffra. L’elleboro non ama nemmeno troppo il sole, quindi l’ideale è posizionarlo in una zona semi-ombreggiata, che non deve ricevere assolutamente i raggi solari diretti. Le foglie ed i fiori infatti rischierebbero di bruciarsi con estrema facilità.

Come abbiamo accennato, volendo potete portare la pianta dentro casa per brevi periodi di tempo. L’importante però è che la temperatura sia sempre fresca e che non ci siano fonti di calore nei dintorni della rosa di Natale.

Quanta acqua dare alla rosa di Natale

Per quanto riguarda le irrigazioni, l’elleboro non necessita di grandi quantità di acqua, specialmente nel periodo invernale. Di norma è sufficiente annaffiare la pianta una volta alla settimana per assicurarle tutto il nutrimento di cui ha bisogno. Per non sbagliare, basta tastare il terreno e se questo è secco procedere con l’irrigazione, ma sempre senza esagerare e quindi in piccole quantità. Attenzione anche ai ristagni nel sottovaso, che sono dannosissimi.


Loading...