Kamut: facciamo chiarezza! Proprietà e miti da sfatare sul grano Khorasan

0
137
Kamut

Negli ultimi tempi siamo stati letteralmente conquistati dal Kamut: una tipologia di grano che sembrerebbe avere delle proprietà benefiche e che a livello mediatico è stata pubblicizzata in modo quasi esagerato. La farina di Kamut ormai si può trovare anche al supermercato (a prezzi altissimi rispetto a quella normale) e viene impiegata anche da numerose pizzerie e ristoranti. In pochissimo tempo quella del Kamut è diventata una vera e propria moda alimentare, peccato però che a deciderlo non siano stati i consumatori quanto piuttosto l’azienda che ne detiene il marchio! Eh sì, perchè il Kamut in realtà non è altro che una varietà di grano, il Khorasan

Grazie ad un’incredibile campagna di marketing, l’azienda che ne detiene i diritti esclusivi è riuscita a far passare concetti che non corrispondono proprio alla realtà. Così, il Kamut è stato idealizzato ed eletto ad alimento dalle proprietà miracolose, ma come vedremo tra poco i miti da sfatare sono molti e vale la pena approfondire.

Farina di Kamut: cos’è?

KamutIl kamut non altro che un marchio registrato, come abbiamo appena detto, di proprietà dell’azienda americana omonima, fondata dal dottor Bob Quinn. Questo nome quindi non identifica un prodotto particolare ma una varietà di grano che conoscevamo già e che è originaria dell’Iran: il Khorasan. Il Kamut, in quanto marchio registrato ed esclusivo, può essere commercializzato con tale nome solamente dall’azienda produttrice che ne detiene i diritti. Tuttavia, il Khorasan può essere coltivato liberamente da chiunque, con la sola differenza di non poter essere venduto con il nome commerciale.

Il Kamut è quindi un tipo di grano e a ben vedere non presenta particolari caratteristiche che lo renderebbero di gran lunga migliore. Rispetto ai grani comuni, ha una resa più bassa e una resistenza inferiore alle varie malattie. I suoi chicchi sono più grossi e i valori nutrizionali particolarmente elevati. Anche se il suo sapore è leggermente differente, dobbiamo riconoscere che il Khorasan non è un grano da considerare migliore rispetto alle altre tipologie di grani duri.

Kamut: sfatiamo qualche falso mito

Purtroppo le campagne pubblicitarie e le chiacchiere della gente rischiano spesso di depistarci, specialmente in campo alimentare dove le trovate di marketing sono all’ordine del giorno! Sfatiamo quindi alcuni miti che si sono diffusi negli ultimi anni in merito al grano Khorasan e rimettiamolo al suo posto.

Il Kamut non è gluten free!

Molte persone sono ancora oggi convinte che il Khorasan sia privo di glutine e non c’è nulla di più sbagliato di questo! A dire il vero, se vogliamo essere pignoli, il kamut contiene più glutine rispetto al frumento tenero quindi non è assolutamente adatto all’alimentazione di coloro che soffrono di celiachia!

Il Kamut non c’è solo in America!

Anche se questo marchio è di proprietà di un’azienda americana, non possiamo certo dire che il Kthorasan provenga da lì. Smettiamola quindi di spendere un sacco di soldi per acquistare un prodotto che di km 0 non ha proprio niente e piuttosto apriamo gli occhi! Questa varietà di grano Khorasan può essere coltivata anche in Italia: in abruzzo e altre regioni. Dimentichiamoci quindi del marchio e piuttosto acquistiamo il Khorasan italiano.

Ti potrebbe interessare anche…