Radiazione Solare: energia green

-
25/04/2021

La radiazione solare è l’energia radiante che viene emessa dal Sole: questa viene generata nel nucleo mediante il processo di fusione e da qui irradiata agli strati più esterni della stella. Da questa radiazione solare è possibile ricavare energia attraverso la tecnologia dei pannelli fotovoltaici.

sunrise-3533173_1920

La radiazione solare svolge un ruolo di primaria importanza. E’ infatti grazie a questa che la vita sulla Terra è possibile perché altrimenti le temperature sarebbero eccessivamente basse per permettere la sopravvivenza delle specie. Oltre a questo, come vedremo tra poco, l’importanza della radiazione solare è legata anche alle energie rinnovabili.pannelli fotovoltaici riescono a produrre energia proprio ricavandola dalle radiazioni solari.

Radiazione solare: composizione

Le radiazioni solari possono essere visibili oppure non visibili.

Radiazioni solari visibili

La radiazione solare visibile che raggiunge gli strati più esterni della superficie terrestre corrisponde al 41% della radiazione globale emessa dal sole. Può avere diverse lunghezze d’onda. A seconda della lunghezza d’onda, le radiazioni hanno caratteristiche differenti che incidono sui processi di fotosintesi clorofilliana.


Leggi anche: Alla scoperta della Struttura del Sole: com’è fatto e come funziona

  • Blu-violette (400-490 nm): sono utili per il processo di fotosintesi clorofilliana perché vengono assorbite dai pigmenti;
  • Verdi (490-560 nm): sono quelle meno importanti per la fotosintesi;
  • Rosso-arancio (590-700 nm): sono fondamentali per la fotosintesi clorofilliana ed il colore verde delle piante è dovuto proprio a queste.

Radiazioni solari non visibili: i raggi UV e infrarossi

sun-687707_1920

La radiazione non visibile è costituita dai raggi ultravioletti (UV) e infrarossi. I primi sono particolarmente importanti perché rischiano di essere dannosi per la nostra salute e per la nostra pelle. Quindi è importante conoscerli e sapere quali sono i rischi che si corrono in seguito ad un’esposizione al sole.

I raggi UV si distinguono in tre tipologie:

  • UVC: sono i più dannosi ma fortunatamente non riescono ad arrivare a noi perché vengono bloccati dall’atmosfera terrestre e in particolare nella stratosfera;
  • UVB: sono responsabili dell’abbronzatura ma anche di eritemi e scottature della pelle e provocano un aumento del rischio di tumori;
  • UVA: sono quelli che arrivano in maggiori quantità e oltre che essere responsabili dell’abbronzatura anch’essi provocano l’invecchiamento della pelle.

Tipologie di radiazione solare

La radiazione solare emessa dal nucleo si propaga arrivando all’atmosfera terrestre. Quando però raggiunge la stratosfera e la troposfera parte di essa viene trattenuta dai gas presenti, cosicché non riesce a raggiungere la superficie terrestre.


Potrebbe interessarti: La Fotosfera: lo strato del sole in cui si formano le macchie solari

La radiazione solare può quindi essere di varie tipologie, a seconda di come arriva sulla superficie terrestre:

  • Diffusa (o indiretta): parte di radiazione che ha cambiato angolo di incidenza perché deviata dai gas presenti nell’atmosfera, ma che raggiunge comunque la superficie;
  • Incidente: parte di radiazione che ha ceduto parte della propria energia ad un ostacolo incontrato nell’atmosfera;
  • Riflessa: parte di radiazione incidente riflessa dalla superficie terrestre;
  • Assorbita: parte della radiazione solare assorbita dalla superficie terrestre ed è responsabile del riscaldamento della Terra.

Radiazione solare e pannelli fotovoltaici

L’energia sprigionata dalla radiazione solare è particolarmente importante anche per le sue applicazioni tecnologiche. Oggi infatti può essere sfruttata per produrre energia termica oppure elettrica. E’ proprio su questa fonte di energia che si basa il funzionamento dei pannelli fotovoltaici e dei pannelli solari termici. Si tratta di due sistemi che permettono di sfruttare le fonti rinnovabili e trarre numerosi benefici a livello ambientale.